Liceo sportivo, spunta la grana trasporti

La provincia ne avrà uno solo, a Maniago e raggiungerlo non sarà facile da gran parte della provincia

Messaggero Veneto del 16/10/2013
Fumata bianca e polemiche sul liceo sportivo 2014-2015, uno unico in provincia, a Maniago nell’Isis Torricelli. «Vanno potenziati i trasporti da Pordenone, altrimenti il liceo diventerà impossibile da raggiungere in tempi rapidi su gomma». Lo chiedono i sindacati confederali e il pianeta scuola, da Brugnera, Sacile e Prata. «C’è il liceo dello sport in predicato nel 2014-2015 però manca una filiera robusta di trasporti da Pordenone – hanno dichiarato allo sportello Flcgil - . Una carenza sentita soprattutto nel bacino della Bassa». Offerta formativa al fotofinish della burocrazia ministeriale. «Proporremo nella tornata dell’orientamento alle iscrizioni 2014-2015 il primo liceo sportivo provinciale a Maniago – ha confermato l’iter il dirigente Piervincenzo Di Terlizzi (in foto) -. Sarà un valore aggiunto per il territorio provinciale». Il bacino provinciale, però, rischia di essere riservato a chi arriva da Spilimbergo, Maniago e Aviano. «E’ decentrato e isolato – hanno sostenuto Adriano Zonta e Gianfranco Dall’Agnese della Flcgil a proposito del liceo dello sport che vuole rilanciare la Pedemontana ma rischia di creare una cattedrale nel deserto –. I mezzi di trasporto sono scarsi su gomma e il trenino Gemona-Sacile è stato cancellato. Chi si iscriverà alla prima classe del liceo sportivo dovrà fare conto sui taxi-genitori. Con spese aggiuntive per le famiglie». Già a gennaio 2014 ci si potrà iscrivere al primo liceo sportivi. Se non ci saranno intoppi dell’ultimo minuto, il prossimo anno scolastico vedrà, infatti, la nascita di circa 100 licei sportivi come branca dei licei scientifici: uno per provincia, compreso Pordenone. Il liceo rilascerà – dicono dal ministero di Viale Trastevere - il diploma di liceo scientifico con lindicazione di “sezione a indirizzo sportivo”, che consentirà l’accesso all’università e agli istituti di alta formazione artistica, musicale e coreutica. «Il problema cronico per 8 mila studenti pendolari sono gli orari dei pullman – ha proseguito Gianfranco Dall’Agnese –. La rete mobile ha difficoltà evidenti e manca il trenino Gemona-Sacile che potrebbe alzare i numeri degli iscritti, anche dall’alto Friuli». Le tratte da rodare, in previsione, sono Sacile-Maniago, Brugnera-Maniago, Pordenone-Maniago. Senza contare i recenti aumenti dei costi di biglietti e abbonamenti.

Contatti | Privacy Policy | Credits

FLC CGIL Pordenone - Via S. Valentino 30 - 33170 Pordenone - Tel. 0434.541227

Copyright © 2014. All Rights Reserved.