Pronte altre tre aule: l'Ipsia si "allarga" alla scuola di musica

L'istituto Verdi si trasferirà in un'altra sede da individuare
Il sindaco Dolfi: impegno massimo per trovare soluzioni

Il Messaggero Veneto del 6/9/2019

Brugnera. Altre tre aule a disposizione dell'Isis Carniello: il sindaco Renzo Dolfi ha dato ieri il via libera all'uso della scuola di musicale. La sede dell'Istituto musica Verdi si trasferirà da via Galilei in un altro immobile da individuare. Risultato: per l'Isis Carniello sei aule pronte a ottobre. «Il sopralluogo ha verificato che lo stabile è idoneo per gli interventi di sistemazione e l'Istituto Verdi avrà un'altra sede idonea - ha detto il primo cittadino consegnando l'incarico al vice Maurizio Foltran -. L'Uti Noncello interverrà con i lavori di sistemazione dell'immobile e anche negli spazi interni alla primaria Sauro, dove saranno ricavate le altre tre aule. L'intesa sulla soluzione d'emergenza è stata condivisa al tavolo del confronto con le dirigenti del comprensivo, dell'Isis Carniello, Uti Noncello e Regione». L'edificio si trova incuneato tra la scuola del mobile e il comprensivo Villa Varda. «L'ipotesi è quella di terminare i lavori di sistemazione negli spazi nell'ex scuola di musica e nella porzione della primaria Sauro entro fine ottobre - aggiunge prudente Dolfi -. L'impegno massimo è di trovare una soluzione all'emergenza, unendo le forze a Brugnera». Il consigliere regionale Ivo Moras ha condiviso la soluzione. «Il Comune con Augusto Viola commissario Uti Noncello e le dirigenti scolastiche - dice l'ex sindaco a Brugnera - hanno trovato la soluzione all'emergenza aule dell'Isis del legno, arredo, grafica. Il Comune ha dato anche la disponibilità per ricavare gli ultimi spazi necessari». Le aule nella primaria Sauro non limiteranno l'attività didattica ai bambini.«La palestra della Sauro è dismessa - replica Moras alla Flc-Cgil -. L'intervento non intralcerà la didattica nella primaria: un muro in cartongesso garantirà spazi separati. Gli studenti del Carniello avranno entrata e bagni autonomi». La battuta finale è sulla politica attendista. «Al sindacalista Flc-Cgil Mario Bellomo dico che vista l'inerzia dell'Uti e dell'ex presidente fino all'arrivo del commissario Viola, non c'erano alternative a questa soluzione. Troppe parole al vento: se ha soluzioni migliori le faccia presenti per non lasciare senza aule 120 studenti»

Contatti | Privacy Policy | Credits

FLC CGIL Pordenone - Via S. Valentino 30 - 33170 Pordenone - Tel. 0434.541227

Copyright © 2019. All Rights Reserved.