Il 70% dei supplenti sull'handicap non è specializzato


Il Messaggero Veneto del 14/10/2019

Scuole in affanno nella caccia ai supplenti in Friuli: i conti si fanno sui posti vuoti dopo un mese di scuola e nel sostegno all'handicap c'è il picco della sofferenza. «Il 70 per cento dei supplenti non è specializzato sull'handicap e tanti precari rifiutano le supplenze - Adriano Zonta segretario sindacale Flc-Cgil regionale monitora i bisogni -. Sono 3.894 gli studenti disabili certificati e stanno aumentando nell'organico di fatto 2019-2020 in Friuli, ma non si trovano supplenti. Le scuole attingono dagli elenchi di messa a disposizione volontaria Mad, non abilitati». I numeri dell'integrazione: per 3.894 alunni disabili («che aumenteranno fino a dicembre 2019 con nuove certificazioni», prevede Zonta) sono stati previsti in organico 1.997 posti docenti e si sommano altri 92 con l'organico potenziato. «I posti ci sono - ha rilevato Zonta - ma mancano i docenti sufficienti. Quindi salta il rapporto 1:1.95 tra studenti H e insegnante, senza contare il "balletto" dei supplenti che spezza la continuità didattica per una fascia debole di utenti». Nelle scuole di Udine 1.760 alunni disabili e 903 posti di sostegno, a Pordenone 1.032 studenti e 529 posti docenti. A Trieste 586 disabili e 300 posti, a Gorizia 516 disabili e 265 posti.